{ "@context": "http://schema.org", "@type": "Organization", "url": "http://intrappola.to", "logo": "http://intrappola.to/assets/img/intrappolato_quadrato.jpq" , "contactPoint": [ { "@type": "ContactPoint", "telephone": "+393347733737", "contactType": "customer service" } ] }

2016-11-30 ‖ press

L'Urlo di Vitruvio - Intrappola.to: l'esperienza

Chi dice che a Trento non c'è nulla da fare evidentemente non conosce bene tutti i meandri della nostra città. È infatti un po' fuori dal centro, in via della Cervara 53 (dietro il Buoncosiglio), che, dietro un'anonima saracinesca, si trova Intrappola.to. Ma dentro è tutt'altra storia. Si tratta di una escape room, un format di gioco nato in America qualche anno fa e approdato di recente in Italia. Il tutto si svolge in una stanza e lo scopo è riuscire ad aprire la porta in 60 minuti di tempo risolvendo indovinelli, enigmi, giochi di logica. Per iniziare basta solo spirito di osservazione, curiosità e tanta voglia di mettersi alla prova. Ero venuto a conoscenza di questo gioco parecchio tempo fa, ma solo questo ottobre l'ho finalmente provato. Si partecipa in squadre da 2 a 6 e consiglio di essere in tanti, sia perché i costi sono minori, sia perché una testa in più fa sempre comodo. Noi alla fine dell'ora abbiamo sbloccato il 63% delle chiavi che bloccano la porta, un buon risultato visto che in media al primo colpo non si supera il 40% (e solo un 3% riesce ad uscire). Alla fine, nonostante il nostro insuccesso, la porta ci è stata aperta in ogni caso da un gentile addetto; grazie a lui sono potuto tornare a casa, ho mangiato un bel piatto di spaghetti e ora sono in grado di scrivere questo articolo. Non dovete quindi preoccuparvi: non importa quanto siete scarsi, riuscirete in un modo o nell'altro a uscire dalla stanza (a meno che il signo